You are here

Rumi e i Dervisci rotanti

 

Jalal al-Din, conosciuto come Rumi o Mawlana (Maestro), nacque nel 1207 a Balkh nell'Afghanistan del Nord, per poi trasferirsi nel 1228 a Konya, sede dell'impero Seljuk ed uno dei più importanti centri di studio e di cultura dell'epoca. Sotto l'influenza di tradizioni mistiche già risalenti a molti secoli prima, Rumi fondò l'ordine Sufi denominato Mevlevi (o dei Dervisci danzanti). Secondo alcuni commentatori il Sufismo è al di là di una possibile analisi o esposizione diretta e può, di conseguenza, essere comunicato solo indirettamente attraverso la danza, la musica, le favole e le metafore. Altri studiosi, come Reynold A. Nicholson, hanno tentato alcune spiegazioni identificando, ad esempio, le seguenti affermazioni negli scritti di Rumi: che tutti gli esseri sono in essenza Uno; che questa essenza è manifestata continuamente, non in un singolo atto della creazione; che Dio è assoluto, immanente e trascendente; che la Sua essenza è inconoscibile salvo indirettamente attraverso i nomi e gli attributi del mondo fenomenico; che il proposito della creazione è per Dio conoscere Sé Stesso; e che il Sufi o Uomo Perfetto giunge vicino alla realizzazione della divina conoscenza di Sé durante la vita umana.

I Dervisci Rotanti usano la danza e la musica come parte della loro devozione spirituale e come strumento per raggiungere il silenzio interiore, lo stato di meditazione in cui viene sperimentata la comunione con l'Amato. Molte delle poesie di Rumi parlano infatti di nostalgia e struggimento per l'unione con il divino Amato.

 

In amore con lui, la mia anima

Vive le più sottili delle passioni

Vive come uno zingaro -

Ogni giorno una casa diversa

Ogni notte sotto le stelle.

 

Vi proponiamo in questo video una bellissima interpretazione dei Dervisci rotanti, tratto dall'album "Whirling" (1994) di Omar Faruk Tekbilek.

 

 

Per approfondire: un video documentario (le scritte sono in lingua inglese) molto interessante sull'origine e sul significato della danza dei Dervisci rotanti.

 

Shri Ganesha